top
logo

Accesso utenti



Articoli correlati


feed-image Feed Entries
Home
Benvenuto dal tuo commercialista telematico !
30 SETTEMBRE 2011: ULTIMA DATA UTILE PER L'INVIO TELEMATICO DEL MODELLO UNICO 2011 Stampa E-mail
Mercoledì 28 Settembre 2011 19:57

Venerdì, 30 settembre 2011, senza alcuna proroga, scadrà il termine per l'invio telematico del modello Unico 2011 anno d'imposta 2010. Entro tale data potranno essere apportate eventuali correzioni sull'anno d'imposta 2009.
Per tutti coloro che dovranno inviare telematicamente il modello Unico 2011, sarà  bene verificare su tutti gli invii delle dichiarazioni hanno ottenuto relativa attestazione di avvenuto ricevimento. Si ricorda infatti che in caso di mancato invio della dichiarazione si commetterà la violazione di omissione della dichiarazione che oltre ad essere sanzionata con una sanzione pari al 240% delle imposte dovute e non versate, potrà portare ad un accertamento induttivo da parte dell'agenzia delle entrate nel rispetto dell'art. 39 comma 2 del  DPR 600/1973.
Nel caso in cui la violazione legata al mancato invio della dichiarazione avvenisse poi per mancanza di controlli da parte del professionista incarito, lo stesso professionista potrà vedersi revocare l'autorizzazione degli invii tramite entratel.

Ultimo aggiornamento Martedì 18 Ottobre 2011 16:49
 
PROROGATO AL 31 DICEMBRE 2011 IL TERMINE DI PRESENTAZIONE DEGLI ELENCHI CLIENTI E FORNITORI RELATIVO ALL'ANNO D'IMPOSTA 2010 Stampa E-mail
Martedì 20 Settembre 2011 07:16

Con Provvedimento n° 134662/2011 firmato lo scorso 16 settembre 2011 dal Direttore A. Befera e pubblicato ieri sul sito, l'Agenzia delle Entrate ha prorogato la presentazione telematica degli elenchi Clienti e Fornitori di 2 mesi ovvero al 31 dicembre 2011.
Si ricorda che l'elenco "Clienti e Fornitori" è stato reintrodotto con D.L. 78/2010 convertito in legge n° 122/2011 e prevede che, esclusivamente per l'anno d'imposta 2010 le comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA devono avere un importo non inferiore ad € 25.000,00. Dal 2011 invece le operazioni rilevanti ai fini IVA ammonteranno ad € 3.000,00. In entrambe i casi gli importi menzionati sono considerati IVA ESCLUSA.   
La proroga dei termini è stata definita sulla base di alcune implementazioni del software non ancora del tutto terminate, suggerite dalle associazioni di categoria al fine di migliorare la qualità delle informazioni derivanti dalle comunicazioni. Non a caso il Provvedimento pubblicato, composto da 26 pagine, dedica circa 22 pagine a specifiche tecniche.   
L'invio telematico dell'elenco riguarderà non solo le imprese (lavoratori autonomi e società) in contabilità ordinaria e semplificata, ma anche i curatori fallimentari delle società in liquidazione, le società non residenti in Italia ma con stabile organizzazione in Italia nonchè tutti coloro che hanno scelto il regime delle nuove iniziative produttive. Non sono invece tenuti ad adempiere a tale obbligo i titolari di partita IVA che hanno scelto il regime fiscale dei Contribuenti Minimi.

 
IMPRENDITORE NON SEMPRE RESPONSABILE PER GLI INFORTUNI DEI DIPENDENTI Stampa E-mail
Mercoledì 21 Settembre 2011 06:41

Con sentenza N° 34373 pubblicata ieri 20 settembre 2011, la Corte di Cassazione ha chiarito che non in tutti i casi il datore di lavoro è  responsabile degli infortuni  o delle malattie professionali che possono "colpire" i suoi lavoratori.
In modo particolare la Corte di Cassazione ha specificato che il datore di lavoro non può essere ritenuto direttamente responsabile se ha deciso di affidare i compiti della sicurezza e del controllo medico dei propri dipendenti a professionisti esterni. Naturalmente non è sufficiente affidare l'incarico a terzi per evitare la responsabilità negli incidenti accaduti suoi luoghi di lavoro. Il datore di lavoro infatti deve aver adottato tutte le misure e gli accorgimenti suggeriti dai responsabili esterni, siano essi responsabili della sicurezza o medici del lavoro.
La Corte di Cassazione quindi ha in qualche modo ha legato il grado di responsabilità del datore di lavoro alle misure di sicurezza adottate. Minori saranno gli interventi effettuati per la messa in sicurezza dei luoghi di lavoro e maggiori saranno le sue responsabilità.

 
« InizioPrec.141142143144145146147148149150Succ.Fine »

Pagina 150 di 152

In Evidenza

Tributario: risposte a quesiti, ricerche e pareristica, contenzioso.

 
Tributi locali: pratiche, calcoli e consulenza in materia di Ici, ed altre imposte locali.

 
Societario: costituzione di società (anche tramite un proprio notaio), consulenza legale (tramite proprio Avvocato) e fiscale.

 
Amministrativo: disbrigo di pratiche amministrative presso Ufficio delle Entrate, Camera di Commercio, Uffici Comunali, uffici vari.

 
Tutela dei marchi: Registrazione di marchi, consulenza legale (tramite proprio Avvocato) sulla protezione della proprietà intellettuale).

 
Consulenza del lavoro: Elaborazione buste paga, consulenza specifica su questioni del diritto del lavoro.

Contattaci


bottom
top

News

I più visti


bottom

Copyright 2013© Simona Antonacci.
Via della Vignaccia, 27 – 00163 Roma, Partita IVA 09406571001
Vaild XHTML and CSS.