IN ARRIVO AGEVOLAZIONI FISCALI PER CHI VENDE PRODOTTI ALIMENTARI E DETERGENTI SFUSI O ALLA SPINA Stampa
Area Sviluppo Sostenibile ed Ambiente - Bilancio e Sostenibilità Economica
Giovedì 24 Ottobre 2019 07:17

L'art. 7 del Decreto Ambientale 111/2019 prevede l'erogazione di un contributo a delle categorie di commercianti che venderanno prodotti alimentari e detergenti senza imballaggio, ovvero alla spina o sfusi. Tali commercianti si dovranno dotare di un "green corner" ovvero di un angolo nel quale il consumatore avrà la possibilità di acquistare i prodotti sfusi utilizzando i contenitori (non monouso) offerti dal negoziante. 
Il contributo potrà essere richiesto solo dagli esercenti commerciali di vicinato.
Vengono definiti esercizi commerciali di vicinato, ai sensi del D.Lgs. 114/1998 art 4 comma 1 lett. d) - e):
- negozi con una superficie di vendita non superiore a 150 mq localizzati in quei comuni in cui la popolazione residente è inferiore a 10.000 abitanti;
- negozi con superficie inferiore a 250 mq situati in comuni con popolazione residente superiore a 10.000 abitanti.
medie strutture di vendita con superficie superiore ai limiti precedenti ed  inferiori a 1.500 mq in quei comuni con popolazione residente inferiore a 10.000 abitanti e superiori ali limiti precedenti ed inferiori a 2500 mq in comuni con popolazione residente superiore a 10.000 abitanti;
L'agevolazione che viene prevista nel D. Lgs è pari alla spese sostenuta, naturalmente documentata, fino al raggiungimento massimo di € 5.000 per ciascun esercizio commerciale. Gli esercenti da parte loro dovranno garantire lo svolgimento  di tali  attività di vendita almeno per 3 anni. 
Per le modalità di accesso all'incentivo bisognerà aspettare un ulteriore decreto attuativo che definirà anche le procedure di controllo dello svolgimento delle attività. Molto probabilmente sarà introdotto anche qui il click day in modo tale da garantire l'accesso al contributo on base all'ordine di ricezione della domanda e fino ad esaurimento scorte.
Per il biennio 2020 e 2021 sono previsti 20 milioni di € per ogni annualità. 
Anche per tale contributo bisognerà rispettare i limiti previsti dagli "Aiuti"  De Minimis (Regolamenti Comunità Europea nn. 1407/2013, 1408/2013 e 717/2014 relativi per i vari settori all’applicazione degli artt. 107 e 108 del Trattato Europe)

Commenti (0)
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
:D:):(:0:shock::confused:8):lol::x:P:oops::cry:
:evil::twisted::roll::wink::!::?::idea::arrow:
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell'immagine.
Lascia un commento o fai una domanda.