CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO: ESEMPI PER IL CALCOLO

Lo scorso 24 marzo 2021 l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la mini guida per la presentazione della richiesta del contributo a fondo perduto previsto dal Decreto Sostegni la cui domanda può essere presentata a partire da oggi 30 marzo 2021.
Il contributo verrà erogato solo in presenza di un calo del fatturato medio mensile superiore al 30% considerando come anni di riferimento 2019 e 2020 in presenza di partite IVA aperte prima del 31/12/2018.

Esempio di calcolo del calo di fatturato:
Si considera un contribuente che ha aperto partita IVA prima del 31/12/2018. 
Il fatturato del 2019 ammonta a 350.000,00.
Il fatturato del 2020 ammonta a 300.000,00

Verifica della perdita effettiva del fatturato annuo:
350.000 – 300.000 = 50.000
50.000/350.000 = 0.143 *100 = 14.30    NON SPETTA ALCUN CONTRIBUTO

Si considera un contribuente che ha aperto partita IVA prima del 31/12/2018.

Il fatturato del 2019 ammonta a 350.000,00.
Il fatturato del 2020 ammonta a 240.000,00

Verifica della perdita effettiva del fatturato annuo:

350.000 – 240.000 = 110.000
110.000/350.000 = 0.314 *100 = 31.40    SPETTA IL CONTRIBUTO

Una volta verificata la spettanza del contributo si procede alla verifica su base mensile del calo e al calcolo del contributo spettante. Bisogna ricordare che la percentuale del contributo spettante da applicare alla differenza tra il fatturato medio mensile del 2019 e quello del 2020 è diversa a seconda dei volumi di ricavi conseguiti nel 2019  ovvero:

60% se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 non superano la soglia di 100mila euro;
50% se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano la soglia di 100mila euro fino a 400mila;
40% se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano la soglia di 400mila euro fino a 1 milione;
30% se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano la soglia di 1 milione di euro fino a 5 milioni;
20% se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano la soglia di 5 milioni di euro fino a 10 milioni.

Riprendiamo ora l’esempio.

Calcolo fatturato medio mensile anno 2019
350.000/12 = 29.167
Calcolo fatturato medio mensile anno 2020
240.000/12 = 20.000
Verifica del calo medio mensile
29.167 – 20.000 = 9.167
9.167/29167 = 0.314 *100 = 31.40%    
Calcolo del contributo
9.167 * 50% = 4.583, 33

Questo è il calcolo che deve essere applicato per conoscere l’importo del ristoro.

Il  calcolo del contributo è leggermente diverso se la partita iva è stata aperta nel corso del 2019.
In questo caso non è necessario aver rilevato un calo del fatturato pari almeno al 30% e al momento del calcolo del fatturato medio mensile del 2019 andrà preso in considerazione  l’importo del fatturato annuo  diviso per il numero dei mesi a partire da quello successivo all’attivazione della partita Iva.  Esempio se la partita IVA è stata aperta a il 10 marzo 2019, il fatturato al 31/12/2019 dovrà essere diviso per 9 ovvero per il numero dei mesi che va da aprile a dicembre, anche se si saranno emesse fatture nel mese di marzo. Il fatturato del 2019 dovrà essere rapportato invece al fatturato medio mensile del 2020 diviso per 12 mesi.
Qualora l’importo del fatturato medio mensile del 2019 sia superiore al dato del 2020 allora per determinare il contributo, tale differenza andrà moltiplicata per  la percentuale del 60, 50, 40, 30 o 20 per cento a seconda dell’ammontare dei ricavi o compensi dichiarati nel 2019.
Se invece l’importo del fatturato medio mensile del 2019 sarà inferiore al dato del 2020 allora il contributo sarà pari all’importo di euro 1.000 per le persone fisiche e di euro 2.000 per i soggetti diversi dalle persone fisiche.

Lascia un commento